Mercedes Classe X: test drive del pick-up della Stella

Da veicoli duri e puri destinati ai lavoratori, i pick-up stanno suscitando un grande interesse anche da parte dei privati, e il costruttore Mercedes-Benz non è rimasto a guardare: è il primo tra quelli premium a proporre un pick-up con finiture da automobile.

Robusto come dev’essere un veicolo di questo genere (la base è quella del Nissan Navara), il Mercedes Classe X è essenziale nell’allestimento base “Pure” e curato come un’automobile Mercedes in quello top di gamma “Power”. Viene proposto a un prezzo compreso tra i 37.000 e i 47.000 euro IVA inclusa.

DIMENSIONI IMPORTANTI

Il prezzo del Mercedes Classe X è molto simile a quello di una Mercedes GLA (la crossover compatta su base Classe A), ma le dimensioni sono da Mercedes GLS. Anzi, superiori: con 5,34 metri di lunghezza supera la più grande (e costosa) delle SUV mercedes di ben 21 centimetri.

Parte della lunghezza è destinata al cassone (1,59 metri), grande quanto basta per poterci caricare un Europallet. La portata, per intenderci, è di 1.100 kg. Da questo punto di vista non ha niente da invidiare agli altri pick-up in commercio più spartani dal punto di vista dello stile e del comfort.

La capacità di traino, inoltre, è sufficiente per trasportare un piccolo yacht: 3,5 tonnellate con rimorchio frenato, 750 con rimorchio senza freni. Insomma, il Mercedes Classe X è un vero veicolo da lavoro inarrestabile, ma in abito da sera.

ABITACOLO: C’È SPAZIO PER 5

Il pick-up Mercedes è disponibile solo nella versione doppia cabina con 5 posti. L’accesso è molto alto, forse un po’ troppo per far salire agevolmente chi è di bassa statura, ma fa parte del suo fascino. Quando ci si trova al posto di guida si domina la strada, tanto che si guardano dall’alto al basso anche i passeggeri di molte SUV.

Dietro l’accesso non è dei più comodi, e lo spazio non è così abbondante quanto le dimensioni esterne potrebbero far credere, né quello per le gambe né quello per la testa. Niente di angusto, anche perché tre adulti di media statura ci stanno senza problemi e chi sta nel centro non deve fare i conti con un imponente tunnel centrale (che sul Mercedes Classe X non c’è), però non siamo al livello di comfort offerto da una SUV di medie dimensioni. Soprattutto a causa dello schienale dei sedili quasi verticale.

INTERNI: FINITURE IN BASE ALL’ALLESTIMENTO

Il livello di finitura degli interni cambia in base all’allestimento. Si parte da quello “Pure”, essenziale sia nella dotazione sia nella scelta dei materiali, con finiture grezze una dotazione insufficiente per un uso extralavorativo (attenzione, in questo caso, al Codice della Strada) per arrivare a quello “Power” dotato di tutto punto. Nel mezzo c’è quello “Progressive”, discretamente accessoriato.

Il look dell’abitacolo è famigliare a chi è già salito su una vettura Mercedes-Benz: elementi come le bocchette d’aerazione circolari (di cui quelle centrali doppie), il volante a tre razze, la strumentazione e lo schermo del sistema di infotainment da 8,4 pollici ricordano molto quelli della Classe C. La leva del cambio automatico, invece, è sul tunnel centrale proprio come sul Nissan Navara e non sul piantone dello sterzo come sulle automobili Mercedes.

I MOTORI

Sotto il cofano del Classe X viene montato il 2.3 turbodiesel in due varianti di potenza: 163 CV e 403 Nm con trazione 4×4 (X 220 d 4Matic) e 190 CV e 450 Nm disponibile sia a trazione posteriore sia integrale 4Matic (X 250 d – X 250 d 4Matic).

Nel 2018 arriverà anche una versione con motore 3.0 V6 diesel da 258 CV di potenza (X 350 d 4Matic).

IL MERCEDES X 250 D 4MATIC SU STRADA

In genere i pick-up montano le sospensioni a balestre sull’asse posteriore, tanto robuste quanto granitiche quando si tratta di digerire le imperfezioni dell’asfalto. Quelle Mercedes Classe X, invece, sono multilink, e fanno la differenza in termini di comfort, elevato grazie anche a un’insonorizzazione molto curata che tiene lontano il rumore dall’abitacolo.

In autostrada si viaggia bene, col 2.3 da 190 CV che garantisce sempre una buona riserva di potenza. La massa indifferente e il cambio automatico con convertitore di coppia, dolce ma non rapidissimo, sono causa di una risposta al comando del gas non proprio solerte. Tradotto in numeri, l’X 250 d 4Matic raggiunge una velocità massima di 176 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in 11,8 secondi.

Se lo volessimo paragonare a un’automobile – tenendo conto che non si può viaggiare con passeggeri non addetti al carico trasportato nel cassone – dobbiamo mettere in conto un’agilità inferiore a quella di una SUV, uno sterzo un po’ impreciso e a qualche plastica di origine poco nobile. Ma paragonandolo a un veicolo da lavoro, il Classe X fa un figurone. In molti casi, ad esempio in autostrada, offre un comfort molto vicino a quello di un’automobile. Col Plus di avere un veicolo con grandi capacità di carico, un’abilità in off-road da fuoristrada vera e una posizione di guida quasi da truck.

In città, il problema principale è quello della gestione degli spazi. Non tanto nelle manovre, grazie alla telecamera con vista a 360° (col Parking Package), quanto per il parcheggio: bisogna, come minimo, avere un garage oversize. In caso contrario riuscire a trovare un posto potrebbe richiedere molto, molto tempo.

PREZZI: “PURE”, “PROGRESSIVE” E “POWER”

PURE: DURO E PURO PER IL LAVORO

Vi serve un mezzo di lavoro da ”maltrattare”? L’allestimento “Pure” è quello più adatto. Oltre ad essere quello più economico, non c’è alcun rischio di rovinare i cerchi in lega (sono in acciaio), non ha i paraurti in tinta con la carrozzeria (sono in plastica nera) e oltretutto vanta un’apertura della ribaltina del cassone a 180° se si rinuncia al paraurti posteriore. Una bella comodità per caricare e scaricare la merce.

Il Mercedes Classe X Pure è disponibile nelle versioni X 220 d 4Matic e X 250 d 4Matic con prezzi di rispettivamente 36.978 e 39.631 euro.

“PROGRESSIVE”: ANCHE A TRAZIONE POSTERIORE

La giusta via di mezzo per avere un veicolo confortevole, con una dotazione più che adeguata per un uso a 360° e un look più curato. La dotazione comprende, per esempio, l’autoradio con comandi al volante, il volante rivestito in pelle Nappa, le luci di cortesia integrate nella portiera, i paraurti in tinta con la carrozzeria e i cerchi in lega da 17”. Il Mercedes Classe X a trazione posteriore è disponibile solo nell’allestimento Progressive.

Il Mercedes Classe X Progressive è disponibile nelle versioni X 220 d 4Matic a 39.190 euro, X 250 d 4Matic a 41.843 euro, e X 250 d (a trazione posteriore) a 37.951 euro

“POWER”: IL PICK-UP COOL E SUPER EQUIPAGGIATO

Aspetto lifestyle (cromature, cerchi in lega da 18 o 19 pollici, numerose possibilità di personalizzazione) e interni lussuosi contraddistinguono il pick-up Mercedes nell’allestimento Power. Solo qualche componente in plastica economica (ma robusta) sul tunnel centrale e nella parte interiore della plancia tradiscono le sue origini da “mezzo di lavoro”, per tutto il resto il Mercedes Classe X Power offre tutti i comfort degni di una più “normale” SUV.

Il prezzo (47.196 euro), in questo caso, è più salato, anche perché l’allestimento Power viene proposto solo sulla versione top di gamma X 250 d 4Matic.