Mercedes-Benz Vito Tourer 4Matic, la prova su strada e sulla neve

Il monovolume a 9 posti della Stella amato dai professionisti è disponibile con tre tipi di trazione: anteriore, posteriore e 4×4. Ed è proprio il Mercedes-Benz Vito Tourer 4Matic, ovvero quello con trazione 4×4, il protagonista della nostra prova sulle strade innevate del Trentino.

TRAZIONE ANTERIORE, POSTERIORE O 4X4?

Facciamo una premessa: ogni tipo di trazione comporta dei vantaggi e degli svantaggi. La gamma del Mercedes-Benz Vito è l’unica a offrire in questo segmento una scelta così completa in fatto di trazione. Per dare una risposta a ogni tipo di esigenza.

Il Mercedes Vito a trazione anteriore rappresenta l’entry level della gamma, il modello con il prezzo di listino più basso. L’economia, in questo caso, è in primo piano. E non solo in termini di prezzo: l’abbinamento con il leggero motore turbodiesel da 1.6 litri garantisce costi di percorrenza contenuti.

La trazione posteriore va presa in considerazione per i carichi elevati, e per le necessità di traino di carichi importanti: le varianti con il cambio automatico hanno una capacità di traino che raggiunge i 2.500 chili. A pieno carico, un veicolo a trazione posteriore ha una motricità migliore. Inoltre il diametro di sterzata si riduce, di conseguenza le manovre nei luoghi stretti diventano più facili.

La trazione 4×4 assicura il massimo dell’aderenza. Nelle condizioni di pioggia, fango e neve, il Mercedes-Benz Vito Tourer 4Matic è una garanzia di affidabilità del veicolo in fatto di dinamica e stabilità, ma anche sull’asciutto le doti dinamiche sono superiori. Le doti di carico e di traino sono le stesse dei modelli a trazione posteriore, però con una motricità più elevata, soprattutto in condizioni di grip non ottimali.

I VANTAGGI DEL VITO TOURER 4MATIC

Il Mercedes-Benz Vito Tourer 4×4 è dotato di una trazione integrale “intelligente”, che si serve del sistema di trazione elettronico (4ETS) per frenare le ruote con minore aderenza e trasferire la coppia a quelle con più grip.

Il differenziale centrale con frizione a lamelle del Vito 4matic a due dischi genera un’azione bloccante di circa 50 Nm tra gli assi anteriore e posteriore: quando le ruote slittano, su uno dei due assi viene trasmessa una coppia di attrito verso l’asse che ruota più lentamente. La trazione è ripartita nel rapporto 45:55.

Si tratta di un sistema di trazione 4×4 leggero (appena 70 kg) in quanto priva dei bloccaggi del differenziale, quindi più efficiente. Il motore previsto sul Mercedes-Benz Vito Tourer 4Matic è il 2.2 4 cilindri da 190 Cv di potenza e 440 Nm di coppia, abbinato di serie al cambio automatico con convertitore a 7 marce 7G- Tronic Plus.

È lo stesso cambio automatico, infatti, a integrare il ripartitore di coppia della trazione 4Matic. La differenza di consumo nel ciclo combinato di omologazione tra il Vito Tourer 119 CDI da 190 CV a trazione posteriore e il Vito Tourer 119 CDI 4Matic è di 0,7 l/100 km: il primo percorre in media 17,2 km/l, il secondo 15,4.

IL VITO TOURER 119 CDI 4MATIC SU STRADA (E SULLA NEVE)

I vantaggi della trazione 4Matic si traducono anche in un comfort superiore, proprio per la rinuncia ai bloccaggi del differenziale. Il Vito Tourer 119 CDI 4Matic è brillante e allo stesso tempo silenzioso. Sulla neve, equipaggiato con pneumatici invernali, si muove con grande disinvoltura: la trazione 4Matic lavora trasferendo la coppia alle ruote con più grip.

Al volante non si sentono reazioni allo sterzo, né si percepiscono rumori meccanici. Semplicemente si avanza con una naturalezza sconosciuta a un veicolo a trazione anteriore o posteriore. La differenza di handling si sente tutta anche sulle strade bagnate, dove il Vito 4×4 riesce a scaricare tutti i suoi 190 CV in uscita dalle curve senza accenni di pattinamento delle ruote e con una stabilità in curva totale.

Il motore 2.1 4 cilindri da 190 CV e 440 Nm ne fa un monovolume potente e agile, con prestazioni che non hanno nulla da invidiare a una classica automobile, ma con una versatilità e una quantità di spazio impareggiabili.

Dal punto di vista estetico il Mercedes-Benz Vito Tourer 119 CDI 4Matic si distingue per i cerchi in lega da 17”. La plancia è la stessa del Vito Furgone: curata per il segmento, ma ovviamente non quanto quella di un’automobile. Per questo c’è la più lussuosa Mercedes Classe V: la sostanza è la stessa, ma con una cura per i dettagli completamente differente.

I PREZZI DEL VITO TOURER 4MATIC

I listino prezzi del Mercedes-Benz Vito Tourer 119 CDI 4Matic varia in base alla lunghezza (Compact, Long, Extra-Long) e all’allestimento.

Il prezzo (IVA esclusa) del Vito Tourer 119 CDI 4Matic Compact è di 35.800 euro nell’allestimento base, di 37.300 nell’allestimento Pro e di 41.400 in quello Select.

Per passare alle versioni Long la differenza di prezzo è di 718 euro, la stessa che c’è tra la versione Long e quella Extra-Long. Di serie il Mercedes-Benz Vito offre 8 posti, la configurazione a 9 posti – che prevede tre posti nella prima fila – è in sovrapprezzo.

Tanto per fare un paragone in termini di prezzo con la “sorella” più lussuosa, la Mercedes-Benz Classe V 250 d 4Matic, ovvero la versione con lo stesso motore del Vito Tourer 119 CDI 4Matic, parte da un prezzo di 42.200 euro IVA esclusa.

SCHEDA TECNICA
Alimentazione  Diesel
Cilindrata 2143cc
N. cilindri 4
Potenza massima 190 CV a 3.800 giri
Coppia massima 440 Nm a 1.400 – 2.600 giri
Trazione  4×4
Cambio  Automatico a 7 marce
Consumo medio  6,5 l/100 km
Livello Emissioni Euro 6
Dimensioni 4,9/1,9/1,90 metri
Posti 8
Massa a vuoto 2.010 kg
Massa rimorchiabile 2.500 kg