Iveco Stralis NP 460: i vantaggi del gas naturale

L’Iveco Stralis NP a gas naturale sta conquistando sempre più clienti: oltre 3.000 esemplari del camion torinese alimentato a LNG (gas naturale liquefatto) sono già operativi lungo le principali tratte di trasporto europee nelle flotte di oltre 400 operatori logistici e lo Stralis NP 460 ha raccolto a soli 8 mesi dal lancio oltre 1.000 ordini in 12 paesi europei.

Pierre Lahutte, IVECO Brand President, ha dichiarato: “Sapevamo quanto il nostro Stralis 480 XP fosse eccezionale, tra i migliori del mercato in termini di efficienza dei consumi, ma lo Stralis NP 460 ha ottenuto risultati davvero stupefacenti in alcune recenti prove effettuate in condizioni di guida reali condotte da importanti pubblicazioni europee. Si posiziona in cima alla classifica con un ampio margine rispetto ai camion diesel tradizionali. I test hanno confermato i notevoli risparmi in confronto all’equivalente diesel, senza alcun compromesso sulle prestazioni e con un maggior comfort garantito dal funzionamento silenzioso e dalla riduzione delle vibrazioni. In un solo anno uno Stralis NP460 con 150.000 km può offrire un risparmio sul TCO superiore di 10.000 euro rispetto a un camion equivalente alimentato a diesel e urea”.

L‘Iveco Stralis NP 460 in versione con doppio serbatoio di LNG vanta un’autonomia fino a 1.600 km e prestazioni equivalenti a un camion diesel. Il tutto con consumi inferiori del 15% e con una riduzione del TCO (costo totale di esercizio) del 9%: merito del costo alla pompa inferiore a quello del gasolio e dei lunghi intervalli di manutenzione (90.000 km). Senza dimenticare il fatto che i motori alimentati a LNG non richiedono urea.

Il motore Cursor 13 NP di Iveco è tutelato da due brevetti: il primo è il sistema di controllo antidetonazione di proprietà di FPT Industrial che consente di aumentare le prestazioni con la massima compatibilità di combustibile e protegge il propulsore e il catalizzatore a tre vie dal rischio di mancata accensione mentre il secondo è il sistema di gestione del comando reattivo del flusso d’aria di FPT Industrial, una nuova logica di controllo del rapporto stechiometrico applicata all’innesto delle marce che garantisce una coppia continua durante l’innesto nei cambi automatizzati.

Il cambio automatizzato HI-TRONIX a 12 velocità rispetto al modello precedente riduce i tempi di innesto del 10% e offre caratteristiche aggiuntive come la funzione rocking per migliorare lo spunto in condizioni di bassa aderenza, quattro velocità in retromarcia e una nuova gamma di prese di forza. Il tutto abbinato al rallentatore idraulico integrato e all’assistente alla partenza in salita.